Riso: estremamente benefico per i celiaci

riceIl riso (Oryza sativa) è una pianta appartenente alla famiglia dei cereali con origini molto antiche, infatti sembra che la prima forma selvatica fosse già emerso più di 12.000 anni fa lungo le pendici dell’Himalaya, ma ha subito molti cambiamenti morfologici e fisiologici a causa di processi di adattamento a diverse climatiche condizioni, prima di arrivare. Questo cereale è composto principalmente di carboidrati, ma contiene anche fino al 7,5% di proteine, fino al 1,3% di grassi. Il riso, che può essere apprezzato da coloro che soffrono di celiachia, ha molte proprietà, infatti è molto digeribile, grazie alla buona concentrazione di vitamina B e l’alta concentrazione di fibre che aiutano il movimento del cibo nel tratto intestinale. Il riso contiene molte vitamine tra cui la vitamina B1, B2, B3, B9 ed è ricco di minerali come potassio, che aiuta a regolare il ritmo cardiaco, selenio, che aiuta a stimolare il sistema immunitario e la produzione di anticorpi. Infine il riso ha un effetto protettivo sui reni, grazie al suo potere rinfrescante, astringente e rinfrescante.

 

Bulgur: un altro modo di mangiare il grano

scopriamo-insieme-il-bulgur.jpgIl bulgur è grano germogliato grazie alla cottura al vapore dei chicchi di grano, che poi vengono essiccati e macinati. Il bulgur ha le stesse caratteristiche nutrizionali del grano, contiene 317 kcal, ha una buona fonte di fibre, vitamine del gruppo B, fosforo e potassio. Il bulghur è commercializzato in forme diverse a seconda delle dimensioni dei grani: le dimensioni più grandi sono adatte per preparare zuppe, i grani più fini, tuttavia, sono più adatti per la preparazione di piatti freddi e insalate. È consigliabile acquistare il bulgur confezionato, per evitare che sia deteriorato dall’eccessiva esposizione agli elementi. Il bulgur non ha bisogno di una vera e propria cucina, è sufficiente metterlo in un contenitore, versare acqua bollente e lasciarlo riposare per 10 -30 minuti (a seconda delle dimensioni), per deidratarlo e renderlo consumabile.
Utilizzata una quantità d’acqua pari al doppio del volume di bulgur (per esempio, 100g di bulgur, 200g di acqua).

Shiitake: fungo medicinale orientale

shiitake-mushrooms-lentinula-edodes-1.jpgLo Shiitake (Lentinula edodes) è un fungo commestibile, ben noto in Asia, in particolare Cina e Giappone, per le sue importanti proprietà medicinali. Questo fungo contiene minerali come potassio, calcio, magnesio, ferro, fosforo e zolfo; provitamina D, vitamina C, vitamina B2 e B12; acidi grassi insaturi e amminoacidi (compresa la lisina essenziale e arginina). Ha un sapore leggermente piccante che lo rende unico e molto versatile nella preparazione di molte ricette. Inoltre questo fungo contiene un polisaccaride, la lentinan, che stimola le funzioni del sistema immunitario. Questo fungo è terapeutico orientale utile nel ridurre il colesterolo e prevenire l’aterosclerosi, protegge e promuove anche la formazione di anticorpi contro l’epatite B. I funghi shiitake combattere le infezioni fungine, come quelle causate da Candida albicans, ma hanno anche un effetto prebiotico perché favoriscono la formazione di una “buona” flora batterica intestinale. Questo farmaco contrasta la carie dentali naturali, grazie al potere contro germicida specie di Streptococcus che si nascondono nella placca dentale e aiuta in situazioni di sforzo fisico e mentale. Controindicazioni di shiitake, come con altri funghi medicinali, sono per coloro che soffrono di allergia ai funghi e coloro che hanno subito un trapianto d’organo.