Carvi: il cumino dei prati che profuma di anice

carviIl carvi (Carum carvi), noto anche come cumino dei prati è una pianta originaria biennale, in Europa e in Asia, centrale e occidentale. I frutti hanno un sapore pungente simile all’anice e il suo aroma proviene dagli oli essenziali in esso contenuti (limonene e carvone). Questa pianta viene usata come spezia, soprattutto nel pane, ma anche per la produzione di liquori come il Kümmel, e per insaporire carni e formaggi. In Grecia questa pianta è nota per le sue proprietà medicinali, l’olio essenziale di questa pianta, infatti, viene utilizzata per le sue proprietà digestive perché ripristina la flora batterica. Inoltre, l’olio essenziale ha anche proprietà antimicrobiche nei confronti di alcune infezioni intestinali come la Salmonella. Inoltre, un decotto preparato dai semi può aiutare a combattere la flatulenza. Molti non sanno che questa pianta aiuta anche in caso di amenorrea e problemi per la produzione di latte nei mesi dopo il parto.

 

La mia ricetta del French Toast :) senza burro

schermata-2014-08-23-alle-14-58-351.pngOggi vi presento la mia ricetta per una deliziosa prima colazione (per due persone) della domenica: french toast. Questa colazione fornisce vitamine, minerali, proteine, carboidrati, fibre ed è ricca di gusto :).
Per preparare questa colazione avrete bisogno della vostra tazza calda di tè o di caffè, due kiwi (sono allergica quindi vi mostro la versione estiva con le nettarine), quattro fette di pane (il mio è kamut), 60 ml di latte intero, due piccole uova (le mie pesavano in totale 77g), cannella (o altre spezie) e 12g di zucchero. Mescolate delicatamente, in una ciotola, con una forchetta: uova, latte, cannella, 10 grammi di zucchero, e nel frattempo, scaldate una padella antiaderente per le crepes. Dopo aver mescolato fino a rendere omogenee gli ingredienti liquidi, immergetevi il pane. Appoggiate le fette, imbevute, su una padella calda e fate cuocere a fuoco medio 1 minuto per lato. Mettere le fette su un piatto e cospargetele con zucchero a velo. Sbucciate e affettate i vostri kiwi e…buona colazione!

Vitamine del gruppo B: conoscere l’acido folico

acido-folico-vitamina-B9La vitamina B9, nota anche come acido folico, deve il suo nome alle verdure a foglia, che hanno permesso la sua scoperta, dalla parola latina folium (foglie). Questa questa vitamina solubile in acqua è essenziale per la sintesi di DNA e proteine, è un coenzima utile per la composizione e l’utilizzazione delle proteine. È quindi necessario per la crescita e la riproduzione delle cellule del corpo; per la formazione dei globuli rossi, ed è anche utile per il corretto funzionamento del sistema nervoso e organi sessuali. L’acido folico è assorbito nel tratto gastrointestinale, e si diffonde attraverso il sistema vascolare e viene immagazzinato principalmente nel fegato. L’acido folico può essere assunto con cibi diversi, tra cui fegato, rene, latte, verdure a foglia verde, ma anche asparagi, germe di grano, patate, carote, lievito di birra, legumi, arachudu, fragole, cialda cono gelato, bastoncini, cereali (come ad esempio i kellogs special k) e melone. Dal momento che la vitamina B9 è sensibile alla luce e al calore e solubile in acqua, conservare gli ortaggi in frigorifero ed evitare la cottura prolungata in acqua. La carenza di acido folico è causata principalmente da una dieta poco equilibrata. Gli alcolisti sono spesso carenti di acido folico. Una carenza di vitamina B9 provoca un rilassamento del rinnovamento cellulare, soprattutto per i globuli dell’intestino, fegato e la pelle. Coloro che soffrono di carenza di vitamina B9, spesso presentano alcune condizioni come l’anemia, problemi digestivi e neurologici e danni alle mucose (ad esempio, gengive). Non vi è alcun rischio in una dieta ricca di eccesso di vitamina B9, poichè il corpo espelle le quantità in eccesso.

Kefir: cambia la tua ciotola di cereali

KefirIl kefir è una bevanda probiotica derivata dal latte, gustosa e nutriente proveniente dal Caucaso. Il kefir ha una consistenza cremosa dal piacevole gusto dolce ma leggermente acido. Il kefir può essere fatto da latte intero o scremato, da latte di mucca, latte di pecora, e anche da latte di cammello, perché il kefir è prodotto mediante l’aggiunta di particolari enzimi e batteri al latte. Il kefir offre molti minerali come calcio, magnesio, fosforo e zinco, così come l’aminoacido triptofano (precursone della serotonina, conosciuta come l’ormone della felicità) è anche ricco di vitamina B5 (acido pantotenico), B9 (acido folico), B12 (cobalamina), B1 (tiamina) e la vitamina K.
Questa bevanda a base di latte è molto benefica per il corpo, non solo per la buona salute della flora intestinale, ma anche un buon sistema immunitario, aiuta anche la guarigione da alcune infezioni del tratto urinario come la candida. Il Kefir migliora la salute intestinale, aumenta l’azione della microflora intestinale, riduce il colesterolo totale, in particolare di colesterolo cattivo (LDL), oltre ad essere vantaggioso per il fegato, che, strettamente connesso all’intestino, avrà meno lavoro nel processo di eliminazione delle tossine.nOnestamente, non ho mai provato a fare il kefir a casa perché non lo consumo così spesso ma eccovi dei metodi per farlo a casa: http://it.wikihow.com/Preparare-il-Kefir

Cardo Mariano: decotto per il fegato

cardo-mariano-01Il Cardo mariano (Silybum Marianum) è una pianta erbacea selvatica con fiore viola, diffuso in tutta la regione del Mediterraneo, noto per i suoi usi alimentari e le sue numerose proprietà benefiche, ma anche per il suo uso come un farmaco. Questa pianta è molto usata per la preparazione di infusi o decotti, infatti, porta grandi benefici a livello del fegato. Silimarina, un gruppo di sostanze consistenti di flavonoidi e altre sostanze estratte dai suoi semi e fiori, proteggono le cellule del fegato dai danni causati da sostanze tossiche come il falloidina, alcool, droghe, insetticidi o pesticidi. Inibendo il processo di formazione dei lipoperossidi, limitando i danni causati al fegato dai radicali liberi, altamente tossici. Inoltre, il flavolignan aumenta il metabolismo e l’eliminazione dei prodotti di scarto, derivato da una dieta ricca di proteine e derivati dalla produzione endogena di bilirubina e creatina a causa di un eccessivo sforzo fisico.
Tra le molte proprietà di questa pianta, ci sono anche la proprietà di stimolare la produzione di latte nelle madri che allattano, per alleviare i crampi e dolori mestruali, curare il mal di testa associati al ciclo mestruale, antiemorragico e ha proprietà diuretiche.
Nonostante le sue molte proprietà benefiche ha anche molti effetti collaterali, infatti, a causa della presenza di tiramina, una sostanza che provoca vasocostrizione, il cardo ha l’effetto di aumentare la pressione sanguigna, ai soggetti ipertesi pertanto non è raccomandata. L’aumento della secrezione gastrica è deleteria in presenza di malattie dello stomaco. Inoltre a causa della presenza di vitamina K, il cardo mariano è controindicato durante una terapia anticoagulante ed è consigliabile consultateil medico se si sta assumendo farmaci o se si sospettano allergie.

Carne di Capra: ricca di minerali e vitamine

GoatLa capra è un ruminante appartenente alla famiglia dei bovidi, sottofamiglia capre, risalente al periodo preistorico nella zona dei monti Zagros in Iran. La capra venne  domesticata, circa 10.000 anni fa, così da avere una fonte sicura e più accessibile di carne, latte e pelli. La carne di capra è una carne magra, con 23 grammi di proteine per 100 di carne è una prelibatezza dal sapore selvaggio, ma molto tenera e delicata. Oltre ad essere un carne con meno grassi di altri ruminanti è anche ricca di potassio, fosforo, sodio, calcio, selenio e zinco così come di vitamine B12, B2, B3, B1 e folato. Principalmente utilizzata nella cucina greca, la capra è anche un’ottima fonte alternativa di latte.

Yogurt: fonte più digeribile di calcio

yogurtLo yogurt (parola turca che significa latte denso) è un alimento derivato dal latte e, attraverso un processo, con molte fasi, che integra probiotici e fermenti lattici (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus), diventa un alimento cremoso dal sapore aspro. L’origine dello yogurt, in epoca preistorica, è avvolta in un mistero. Lo yogurt contiene vitamina A, B1, B2, B3, B6, B12, C e J. Essendo derivato dal latte, è una ricca fonte di calcio, potassio, fosforo e magnesio, proteine e carboidrati, ma contiene anche fermenti probiotici che sono utile per ripristinare la migliore della flora intestinale, aiuta la digestione e sono molto utili in caso di diarrea o costipazione. I probiotici sono batteri che svolgono funzioni diverse e importanti, come metabolizzare il cibo, produrre vitamina K e H, inoltre svolgono un’azione battericida, contro gli agenti patogeni che si presentano nei cibi, e un’azione stimolante del sistema immunitario.

Lo yogurt può essere assaporato puro o guarnito con frutta fresca, noci e cereali. Attualmente lo yogurt può essere gustato anche congelato al posto del gelato per uno spuntino leggero.

You can read this post in english here.