Riso: estremamente benefico per i celiaci

riceIl riso (Oryza sativa) è una pianta appartenente alla famiglia dei cereali con origini molto antiche, infatti sembra che la prima forma selvatica fosse già emerso più di 12.000 anni fa lungo le pendici dell’Himalaya, ma ha subito molti cambiamenti morfologici e fisiologici a causa di processi di adattamento a diverse climatiche condizioni, prima di arrivare. Questo cereale è composto principalmente di carboidrati, ma contiene anche fino al 7,5% di proteine, fino al 1,3% di grassi. Il riso, che può essere apprezzato da coloro che soffrono di celiachia, ha molte proprietà, infatti è molto digeribile, grazie alla buona concentrazione di vitamina B e l’alta concentrazione di fibre che aiutano il movimento del cibo nel tratto intestinale. Il riso contiene molte vitamine tra cui la vitamina B1, B2, B3, B9 ed è ricco di minerali come potassio, che aiuta a regolare il ritmo cardiaco, selenio, che aiuta a stimolare il sistema immunitario e la produzione di anticorpi. Infine il riso ha un effetto protettivo sui reni, grazie al suo potere rinfrescante, astringente e rinfrescante.

 

Taro: simil-patata tropicale

isolated-taro-root.jpgLa Colocasia esculenta è una pianta della famiglia delle Araceae comunemente nota con il nome di origine polinesiana Taro. Viene coltivato nelle zone tropicali di tutti i continenti ed è un alimento di base di particolare importanza per le popolazioni del Sud America, in Africa o in Asia. La radice, tossica se consumata cruda, può causare gravi irritazioni se entra in contatto con gli occhi o la pelle. A cottura ultimata, questa radice fornisce nutrienti simili a quelle della patata, ma è senza glutine, a basso contenuto di grassi, con un polpa gustosa se bollita, ricca di fibre, vitamine (A, B1, B2, B3, B5, B6, C, e e K) e minerali come potassio, sodio, calcio, rame, ferro, magnesio, manganese, selenio e zinco. La radice di taro è ricca di proprietà nutritive che contribuiscono a diminuire la pressione alta e il rischio di malattie del cuore, aumentano la forza del sistema immunitario, il controllo dei livelli di zucchero nel sangue e combattono i radicali liberi. La radice di taro acquistati freschi devono essere conservati in un luogo fresco e buio ventilato, mai in frigorifero. Questa radice può essere utilizzata in molti modi, seguendo le ricette per le patate sia in forno che in zuppe.

Rooibos: tè rosso africano

red-tea.jpgAsoalathus linearis, una pianta della Fabaceae (leguminose), che cresce in Sud Africa nella regione Cedarberg tra le montagne più calde e secche, dove viene prodotto il rooibos. Questa bevanda è stata usata per secoli dai popoli Khoisan, anche se non conosciamo il momento esatto in cui le popolazioni della zona hanno iniziato a utilizzare questo tè, sappiamo che era Benjamin Ginsberg, un immigrato russo e un pioniere nella zona , che nel 1904 ha introdotto questo tè nel mercato europeo. La preparazione tradizionale prevede la raccolta di foglie e ramoscelli della pianta omonima, che sono triturati con pestelli di legno, e la loro successiva fermentazione. L’infuso liquido ottenuto da questa pianta è di colore rosso ambra con sapore naturalmente di nocciola  che si può assaporare senza zucchero. Questo tè è privo di caffeina e contiene molti antiossidanti e minerali, tra cui magnesio, calcio, fosforo, ferro e vitamina C, che lo rende adatto per coloro che praticano attività sportiva. La presenza di vitamina C e antiossidanti contrastano l’azione dei radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cellulare. Il tè rosso è tonificante e rilassante, e agisce contro l’ipertensione. Questa bevanda rinfrescante, particolarmente adatta per la calura estiva, ha anche proprietà digestive e, quindi, è utile da bere in caso di nausea e mal di stomaco e per problemi all’intestino. Infine, è noto per la sua antivirale e antibatterica, che aiuta il sistema immunitario a combattere le infezioni. Questo tipo di tè è venduto anche aromatizzato

Ribes: gustosi frutti di bosco anti-infiammatori

CurrantIl ribes è una bacca di un arbusto, molto popolari sono il ribes rosso (Ribes rubrum), ribes nero (Ribes nigrum), e ribes bianco (Ribes Hessonite) conosciuta anche come “uva spina”. Questa bacca ha un’alta concentrazione di vitamine tra cui A, le vitamine del gruppo B, vitamina C e K, ma anche molti minerali come calcio, ferro, sodio, zinco, fosforo e potassio. È utilizzato nella medicina tradizionale e nell’erboristeria fin dall’antichità, perché è un frutto con eccellenti proprietà anti-infiammatorie, in particolare del tratto urinario e nel caso di emorroidi. Ha proprietà diuretiche e detergenti per il corpo e viene quindi utilizzato per la preparazione di infusi e composti antiallergici. L’abbondanza di vitamina C protegge il corpo aumentando il sistema immunitario, il succo è infatti utile per contrastare la febbre, la perdita di appetito e migliorare la digestione. È anche un ottimo antiossidante. Il ribes è un frutto non solo utile, ma anche molto gustoso, utilizzato in insalate e bevande spremute. È grande anche per mangiare mentre ci si gode la vita in compagnia o da soli.

Aglio: poco apprezzato o troppo usato

GarlicAllium sativum è una pianta bulbosa perenne originaria dell’Asia (probabilmente dal deserto del Kirghizistan e dell’India) il cui odore caratteristico è causato da alcuni composti organici dello zolfo presenti in essa. Per rispettare le persone che entrano in contatto con noi nel nostro lavoro e nella nostra vita sociale è importante ripulire il fiato dopo un pasto contenente aglio, per farlo basterà masticare una foglia di salvia, una foglia di menta, un chicco di caffè o alcuni semi di anice.
Questo vegetale è ricco di minerali come magnesio, calcio, fosforo, iodio, ferro; ci sono anche tracce di zinco, manganese, selenio, vitamina C (solo in aglio fresco), provitamina A, vitamine B1 -B2 -PP. L’aglio è un alimento benefico, una semplice dose di 4 grammi al giorno può avere effetti terapeutici; infatti arricchire la loro dieta aglio crudo può aiutare, secondo la medicina naturale per prevenire e combattere le infezioni batteriche (come raffreddore e tosse, grazie allicina e garlicina) e per migliorare il sistema immunitario. Inoltre, l’aglio ha un effetto ipotensivo, che aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, aiuta a fluidificare il sangue e aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo. L’azione benefica purificatrice dell’aglio lo rende particolarmente adatto per coloro che soffrono di malattie che colpiscono i reni o della vescica e per purificare il sangue. Infine, è utile per promuovere la digestione, date le sue proprietà di ripristino della flora batterica, e il processo di eliminazione delle tossine dal corpo.

You can read this post in english here.

Yerba Mate: Tè dal Sud dell’America

erba_mate_2b

Yerba mate (Ilex paraguariensis) è una pianta da cui si ricava un infuso antiossidante ed energizzante, popolare in Sud America. Le foglie di questa pianta vengono sottoposte ad un processo di essiccazione e frantumazione prima di essere utilizzate nella preparazione del mate, questo tè ha proprietà stimolanti come la caffeina ed è raccomandato per le persone che soffrono di ipotensione.
L’infusione di yerba mate, contiene teobromina, tannini, minerali (tra cui il potassio), vitamina C, J, e alcune vitamine del gruppo B, è un buon tè digestivo post pranzo, perchè può promuovere il movimento delle viscere. Inoltre è un efficace diuretico, utile per prevenire la formazione di calcoli renali. Esso contiene inoltre polifenoli con proprietà antiossidanti che combattono la formazione dei radicali liberi. Infine, la Yerba Mate può stimolare il sistema immunitario e purificare il sangue.
Per ottenere i benefici di questa pianta, bere 2 0 3 infusi al giorno a temperatura ambiente.

Un sovradosaggio di yerba mate può indurre il corpo a reagire aumentando la frequenza della minzione, e può causare disturbi disturbi gastrointestinali e diarrea, che può persistere per diversi giorni e disidratare il corpo in maniera molto alta.

Consultate il medico IMMEDIATAMENTE se accusate uno dei seguenti sintomi: incapacità di dormire (insonnia), nervosismo e irrequietezza, disturbi di stomaco, nausea e vomito, aumento della frequenza cardiaca e la respirazione, la pressione alta, mal di testa, ronzio nelle orecchie, battito cardiaco irregolare, e altri effetti collaterali.

Prima di assumere caffeina, consultatevi con il vostro medico.

You can read this post in english here.